Ss. Alberto e Vito – Un po’ di PANE Spirituale per Camminare in CRISTO mercoledì 2 Settembre 20

0
358 views
CONDIVIDI:

Mercoledì, XXII Tempo Ordinario – Ss. Alberto e Vito – PRIMA LETTURA 1Cor 3,1-9 – Dal Salmo 32 (33) – VANGELO Lc 4,38-44

Riflessione quotidiana per camminare in Cristo: «Dal momento che vi sono tra voi invidia e discordia, non siete forse carnali e non vi comportate in maniera umana?». San Paolo ci ricordava già ieri, che senza l’aiuto dello Spirito Santo ci ritro-veremmo a ragionare in maniera umana, cioè secondo logiche che non rispondono ai piani di Dio ma semplicemente ad una visione terrena. E in questa situazione, dove al centro non c’è Dio ma il nostro Io, è facile che prima o poi emergano fratture, divisioni, discordie generate da invidie e gelosie, vendette, provocazioni, prevaricazioni, malcontento, maldicenze, e ogni altra realtà che poggia sulle sabbie mobili della nostra natura corrotta. Ed è proprio sulla base di tali presunte ragioni umane che si sono fondate le peggiori ideologie politiche, le peggiori persecuzioni sociali, i peggiori crimini umanitari. Ieri come oggi, dove la ragione mette al centro l’uomo invece che Dio, prima o poi esce fuori in tutta la sua terribile verità: basti pen-sare a come finemente si riesce a giustificare crimini come l’aborto, trasformandolo da un omicidio aggravato dall’essere perpetrato contro inermi, innocenti e perfino familiari, ad un diritto con tanto di appellativo “civile”, come una conquista sociale e una forma alta di libertà (con appoggio anche di tanti cristiani che hanno votato allora e ne sono convinti tuttora!).

Vangelo (24 gennaio) Oggi si è compiuta questa Scrittura

Pane di oggi: Signore Gesù, è necessario che annunci la buona notizia del Regno di Dio ancora oggi, qui da noi: passa attraverso le nostre strade, raggiungici nei luoghi di lavoro, entra nelle nostre case, parla alle nostre famiglie, risana i cuori affranti, raddrizza le vie tortuose, caccia da noi ogni spirito impuro, liberaci dal Male, guarisci le nostre infermità, donaci sapienza e pace. Donaci di essere noi le tue labbra, la tua mano, il tuo sguardo.
Fuggirò la sapienza umana e andrò alla scuola del Vangelo.

fonte: http://www.madredellaparola.it/?page_id=110

CONDIVIDI:



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here