Un Po’ di PANE quotidiano per Camminare in CRISTO lunedì 30 marzo 2020

0
272 views
CONDIVIDI:

Lunedì, V di Quaresima – S. Leonardo Murialdo 1 LETTURA Dn 13,1-9.15-17.19-30.33 62 – Salmo 22 (23) – VANGELO Gv 8,1-11
Riflessione quotidiana per camminare in Cristo: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più». Il racconto dell’adultera ci mette dinanzi ad un problema che ci tocca molto da vicino. Come comportarci con il fratello che pecca? Accorgersi del peccato del prossimo è molto facile e spesso la condanna è inappellabile: critichiamo, disprezziamo, etichettiamo e allontaniamo il nostro prossimo in quanto reo di colpa più o meno grave nei nostri confronti. Per rendere il tutto più solenne, siamo pronti a prendere leggi e pronuncia-menti in modo da rendere quanto più fondato e definitivo il nostro giudizio. Poveri noi se Dio dovesse misurarci con la misura con cui noi misuriamo gli altri! Guai a noi se dovessimo venire giudicati con lo stesso metro che noi usiamo per giudi-care il prossimo! Che sciagura se Dio dovesse rimettere i nostri debiti così come noi siamo pronti a rimetterli ai nostri debitori! Eppure su questo non abbiamo dubbi: Gesù lo afferma chiara-mente e anche noi, ogni giorno, lo ricordiamo al Padre quando preghiamo come il Maestro ci ha insegnato. Non siamo chiamati a condannare il passato, ma siamo chiamati a costruire un futuro di grazia. Non spetta a noi giudicare, ma spetta a noi testimoniare la bellezza del Vangelo, la gioia della conversione, la festa del ritorno sacramentale, per mezzo della Confessione, al Padre, il giubilo di una preghiera che scaturisce dallo Spirito Santo in noi. La nostra missione non è puntare il dito e lanciare pietre, ma convincerci e convincere alla conversione.
Pane di oggi: Tu non mi condanni, Signore, se io ritorno a te con tutto il cuore. Ma anche io devo fare la mia parte: non peccare più! Aiutami, Gesù, ad osservare i tuoi comandamenti, a seguire le tue vie, a rimanere nella tua volontà, a testimoniarti al mondo.
Aiuterò il mio prossimo convertendo anzitutto il mio cuore.

fonte: http://www.madredellaparola.it/?page_id=110

CONDIVIDI:



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here