Legge 104/92: principali benefici fiscali previsti nel 2016.

0
1.528 views
CONDIVIDI:

La Legge 104 del 1992 disciplina tutte le agevolazioni fiscali, detrazioni, previste per i soggetti disabili. Per beneficiare di tali agevolazioni fiscali ma anche dei permessi dal lavoro e dei congedi straordinari retribuiti, è necessario prima procedere all’accertamento sanitario effettuato dall’apposita commissione ASL al fine di stabilire se sussiste o meno uno stato invalidante. Tali accertamenti sanitari si basano sull’incidenza delle infermità sulla capacità lavorativa. Deve comunque sempre trattarsi di una patologia grave che non consente alla persona di gestirsi da sola e necessita di un’assistenza nella vita quotidiana talvolta permanente. Al termine delle visite mediche, la Commissione redige un verbale elettronico in caso di accertamento della disabilità. Ecco un elenco dei principali benefici fiscali legati alla presentazione della dichiarazione dei redditi sia con modello dell’Unico sia con il modello 730. Innanzitutto i genitori con a carico figli con handicap grave hanno diritto ad un aumento di 400 euro della detrazione Irpef prevista già, per i figli presenti all’interno del nucleo familiare. Verrà quindi accordata una detrazione, da dividere al 50% tra i genitori, di 1.620 euro per i figli minori di 3 anni, mentre sarà di 1.350 euro per gli altri figli.                                   Agevolazioni previste per l’acquisto del veicolo:
Una serie di agevolazioni fiscali sono anche legate all’acquisto di veicoli per disabili ed in particolare per i non vedenti, portatori di handicap grave, disabili senza o con capacità motorie molto ridotte. Esse consistono nell’applicazione dell’Iva al 4% in occasione dell’acquisto dell’auto, nella detrazione (da parte del disabile o del familiare) dall’Irpef del 19% del costo dell’automobile con un tetto massimo di 18.000 euro, ed è inoltre previsto l’esonero dal bollo e dall’imposta di trascrizione per il trasferimento di proprietà dell’auto. Tali agevolazioni si estendono anche al costo per le riparazioni. Le vetture per le quali può essere fruito il beneficio sono autoveicoli; motocarrozzette specifiche e per il trasporto promiscuo; motoveicoli per il trasporto promiscuo. Anche tutte le spese per l’abbattimento delle barriere architettoniche (la costruzione di un ascensore o rampe di scale) godono di una detrazione (da parte del disabile o del familiare) dall’Irpef del 36%                                             Detrazioni e deduzione spese sanitarie:
Circa la tipologia di spese sanitarie per i disabili su cui è prevista una detrazione del 19% vi rientrano anche quelle specialistiche come l’acquisto di mezzi d’ausilio (anche specifici) alla deambulazione. Il tetto massimo previsto per la detrazione è di 2.100 euro annue qualora il reddito non superi 40.000 euro. Le spese mediche di assistenza generica e specifica possono invece essere dedotte integralmente dal reddito, anche dal familiare del disabile. Sono spese di assistenza specifica le prestazioni degli educatori professionali e le prestazioni fornite da infermieri ed addetti alla  riabilitazione. In ultimo ricordiamo che sono detraibili al 19% dalle tasse e godono dell’applicazione dell’Iva agevolata al 4% anche i costi per l’acquisto di mezzi informatici e tecnici (come fax, pc, tablet). Prevista anche una franchigia di 1 milione e mezzo di euro sull’imposta sulle successioni e sulle donazioni. Per aggiornamenti sul tema, potete cliccate su ‘Segui’ in alto sopra l’articolo.

fonte: http://it.blastingnews.com

CONDIVIDI:



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here