Ciascuno secondo il proprio talento è un chiamato alla Vita di grazia

0
222 views
CONDIVIDI:

… tu esisti perché sei creato per essere amato e per amare

Il Signore parla continuamente al tuo cuore e lo infiamma di entusiasmo per il mondo. Il primo segno che indica un cuore toccato dalla grazia di Dio è l’apertura alla vita. Ti accorgi che la tua vita non è solo un fatto biologico, bensì un atto d’amore, un gesto fatto unicamente per te.
Scopri che tu esisti perché sei creato per essere amato e per amare. L’unico destino già scritto è questo. Quando questa consapevolezza ti raggiunge, cambia il tuo sguardo su te e sul mondo. Ti accorgi che vai bene così come sei e che ogni persona intorno a te diventa degna di essere amata. E non puoi più rimanere indifferente al grido di aiuto dell’umanità.

Ci sono molti motivi che ti inducono a sentirti lontano da Dio: le circostanze della vita, le cose che capitano, le relazioni che non funzionano. Ti senti solo, indifeso, inadeguato, indegno. Il peccato è una ferita aperta che ti spinge a chiuderti in te stesso, a recuperare un briciolo di dignità giudicando gli altri, a perdere la fiducia e la speranza che le cose possano cambiare. E se vivi nella diffidenza, dovendoti continuamente difendere, come puoi pensare di essere libero?

NostraMadreCeleste: Vangelo del giorno 14/07/2016

… quando hai il coraggio e l’umiltà di riconoscere il tuo peccato, tocchi con mano la tua umanità: essere “uomo” vuol dire innanzitutto essere amato sempre, anche quando sbagli. E, contemporaneamente, conosci il vero volto di Dio. In quel momento, la parola che Dio pronuncia sulla tua vita non è un giudizio, ma il tuo nome di grazia. Il tuo nome di grazia esprime la volontà di Dio su di te, il suo modo di guardarti, il tuo modo di essere amore nel mondo a nome suo.

Lui ci ama, dobbiamo creare un’intima relazione con Lui, dove scopri giorno per giorno che di Lui ti puoi fidare e che Lui si fida di te, perché ti conosce per quello che sei. Questa relazione con il Signore ci rende liberi, liberi di uscire da noi stessi e andare incontro agli altri, liberi di giocarci fino in fondo, senza risparmiarci, liberi anche di sbagliare. Perché l’amore rimane e persevera. Questa è l’esperienza che noi viviamo con Lui, continuamente avvolti dal suo perdono, anche quando gli voltiamo le spalle. Questo è il modo in cui cerchiamo di porci di fronte alle persone. Liberi, non di fare ciò che vogliamo, liberi di amare. Sì, come Lui ci ama.

Fonte: mikpi da: https://gesuiti.it

CONDIVIDI:



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here