Biologico è conoscere ciò che si mangia e sapere chi sta dietro a un prodotto.

0
1.696 views
BiologicoBiologico. È un termine ormai entrato a far parte del linguaggio comune. Nel XXI secolo il biologico entra risoluto nella nostra vita quotidiana per simboleggiare un’esigenza che si fa sempre più insistente: conoscere ciò che si mangia e sapere chi sta dietro a un prodotto.

Spesso i prodotti che compriamo ci danno l’illusione di salute e benessere.                          Ma stiamo attenti ai cibi che restano belli per settimane!!!                                             Il biologico ha sicuramente i suoi benefici non soltanto per la nostra salute ma anche per la terra. Utilizzando, infatti, tecniche agricole che seguono le logiche della natura si diminuisce lo stress del terreno, delle piante e l’inquinamento delle acque.
Con le colture biologiche si preserva anche un aspetto culturale della nostra società contadina: la sapienza derivante da un continuo rapporto con la terra, ormai soppiantata dai vari prodotti chimici che distruggono la vita.
Però dobbiamo fare attenzione: in quest’epoca di consumismo sarebbe meglio fare sempre un’analisi critica dei fenomeni che ci circondano.
Nel biologico la prima legge che ne stabilisce i parametri risale al 1991. Più recentemente la comunità europea ha emanato un Regolamento, era il 2007, al quale tutti gli stati membri dovevano far riferimento.                                                                                                    Il Regolamento parlava di rispetto delle biodiversità, degli allevamenti biologici, di acquacoltura. Il testo, per dirla in estrema sintesi, descrive un mondo agricolo all’insegna del rispetto della terra.
Lo stato italiano si adeguò nel 2008 con una legge che abrogava parzialmente quella precedente ed in cui si stabilivano parametri precisi per l ‘agricoltura da certificarsi biologica.

fonte:www.siciliaedonna.it

 



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO