Casa Sollievo della Sofferenza… Confermato il carattere scientifico

0
2.184 views

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministro Balduzzi                                     È confermato, per un periodo di due anni, a decorrere  dalla  data di pubblicazione del presente decreto nella  Gazzetta  Ufficiale,  il carattere scientifico dell’Ospedale «Casa Sollievo della  Sofferenza» con sede in San Giovanni Rotondo (Foggia) per la disciplina “Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa”». E’ questo l’esito finale dell’istruttoria che ha portato il Ministero della Salute ad emanare lo scorso 5 dicembre il decreto di rinnovo del carattere scientifico dell’Istituto Casa Sollievo della Sofferenza. Istruttoria che ha avuto inizio poco meno di 3 anni fa (marzo 2010) momento in cui l’Opera di San Pio da Pietrelcina ha trasmesso al  Ministero  ed  alla Regione Puglia la documentazione necessaria ai fini della conferma del riconoscimento per la disciplina   «Malattie genetiche ed eredo familiari».
Con la successiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (n. 297 del 21/12/2012) è stata data piena conferma al decreto ministeriale.

Nel corso dei quasi tre anni di lavori, avviati con la richiesta di rinnovo avanzata dall’IRCCS in data 10 marzo 2010, l’iter istruttorio che ha portato al decreto ha considerato e preso atto, cronologicamente, delle seguenti deliberazioni e note:

– deliberazione n. 1834 del 4 agosto 2010 con la quale la Giunta della Regione Puglia ha riconosciuto la coerenza dell’istanza di conferma del riconoscimento con la propria   programmazione sanitaria in relazione alla disciplina predetta;

– nota del 27 ottobre 2011 con la quale l’Istituto «Casa sollievo della sofferenza» ha chiesto al Ministero della salute di modificare il titolo del riconoscimento in atto in «Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa», allegando altresì ulteriore documentazione anche in  relazione  alla modifica richiesta;

– deliberazione n. 2984 del 29 novembre 2011 con la quale la Giunta della Regione Puglia, nel rettificare la precedente deliberazione n. 1834 del 4 agosto 2010, ha  espresso parere favorevole alla modifica della tematica di riconoscimento nel settore delle «Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa» ritenendo tale  conferma coerente con la propria programmazione sanitaria;

– nota del 5 dicembre 2011 con la quale la direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della salute, d’intesa con l’Ispettorato generale della spesa sociale del Ministero dell’economia e delle finanze, ha formulato  parere  favorevole,  per quanto  di  competenza  dei  piani  di  rientro,  alla  conferma  del riconoscimento del carattere scientifico dell’IRCCS;

– nota prot. n. 8751 del 1° febbraio 2012 con cui il Ministero dell’economia e delle finanze ha comunicato di non avere osservazioni da formulare sull’ulteriore corso della  procedura, atteso che, nell’ambito dell’istruttoria relativa al piano di rientro dai deficit sanitari della Regione Puglia, è stata riscontrata la compatibilità del riconoscimento del   carattere scientifico dell’IRCCS «Casa Sollievo della Sofferenza» con gli obiettivi del piano medesimo;

– appunto della direzione generale della ricerca sanitaria e biomedica e della vigilanza sugli enti del Ministero del 22 novembre 2012, n. 6906, contenente, tra l’altro, la relazione sulla site-visit effettuata presso il citato Istituto, come integrato con  successiva nota n. 7139 del 30 novembre 2012;

– nota prot. n. 469 del 22 novembre 2012 con la quale il Presidente della Regione Puglia ha espresso la propria formale intesa ai fini dell’adozione del provvedimento di   conferma del riconoscimento.

Con la modifica della disciplina «Malattie genetiche ed eredo familiari» in “Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa» si amplieranno per l’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” le tematiche oggetto di ricerca scientifica con maggiori possibilità e potenzialità di finanziamento dei relativi progetti.



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO