I GIORNI FESTIVI, quali sono e perché…

150 Anni Unita D'Italia

La legge stabilisce che un certo numero di date, ogni anno, siano considerate come giorni festivi. Nelle quali, cioè, vada osservato il completo orario festivo e sia vietato "compiere determinati atti giuridici", stabiliti a loro volta da altre normative.

Con le norme attualmente in vigore, i giorni festivi sono i seguenti:

  1. tutte le domeniche;
  2. il primo giorno dell'anno (1 gennaio);
  3. il giorno dell'Epifania (6 gennaio);
  4. il 150° dell'Unità d'Italia (17 marzo 2011);
  5. l'anniversario della liberazione dal nazi-fascismo (25 aprile);
  6. il giorno di lunedì dopo Pasqua (variabile in base all'anno);
  7. la festa del lavoro (1 maggio);
  8. l'anniversario della Repubblica (2 giugno);
  9. il giorno dell'Assunzione della B. V. Maria (15 agosto);
  10. il giorno di Ognissanti (1 novembre);
  11. il giorno della festa dell'Immacolata Concezione (8 dicembre);
  12. il giorno di Natale (25 dicembre);
  13. il giorno di S. Stefano (26 dicembre);
  14. il giorno del santo patrono (variabile secondo la località).

Tali giorni, stabiliti inizialmente in numero superiore, con la legge n. 260 del 1949, sono stati ridotti nel 1977, con la legge n. 54, la quale ha cancellato, dall'elenco dei giorni festivi agli effetti civili, le seguenti date: S. Giuseppe (19 marzo); Ascensione; Corpus Domini; S. Pietro e Paolo (29 giugno). In sostituzione delle 4 festività soppresse, i lavoratori dipendenti, da allora in poi, hanno potuto usufruire di 4 gruppi di 8 ore di permessi individuali retribuiti.

fonte:www.intrage.it


Puoi lasciare un risposta, o trackback dal tuo proprio sito.

Lascia un commento

Powered by WordPress | Compare Cell Phone Plans at iCellPhonePlans.com | Thanks to Cheap Palm Pixi, Bromoney and Wordpress Themes