I MATERIALI DEL FUTURO: eco-cemento creato in laboratorio,comune batterio del suolo mescolato con sabbia…

0
3.205 views

Ginger Krieg Dosier, assistente professore di Architettura presso l'Università Americana di Sharjah negli Emirati Arabi Uniti, si occupa di materiali da costruzione non tradizionali. Il materiale del futuro, sostiene, dovrebbe essere non inquinante e consumare poca energia: per ciò studiato e coltivato in laboratorio.La Dosier ha previsto un nuovo materiale adatto a costruire le torri di trasmissione nel deserto degli Emirati Arabi Uniti, che si basa sulla rapida crescita dei batteri. Precisamente sul batterio Sporosarcina Pastuerii, che è un batterio comune del suolo che può creare un materiale "biocementizio" che ha la capacità di fondersi con la sabbia e, attraverso un processo noto come Calcite Precipitazioni (MICP), crea un materiale che è sostenibile, a differenza del legno, e inaspettatamente, a differenza del cemento. Il processo si sviluppa come segue: il batterio è cresciuto e poi inserito in una stampante 3D, che fonde i batteri con la sabbia scelta. Questo impasto viene poi separato in unità, crati con i calchi degli impianti industriali locali. Questo metodo di creazione del materiale produce pochi rifiuti, e garantisce un elevato grado di precisione durante tutto il processo di costruzione, con la possibilità di creare profili più spessi o più sottili a seconda della porzione di torre in oggetto.

Le torri di trasmissione verrebbero così assemblate fuori sede, e una volta consegnate in cantiere, devono asciugare e indurire per due settimane. Al termine di questo periodo, sono pronte per sopportare il peso proprio, e pronte per essere installate. L'ambiente arido deserto aiuta la cementificazione e accorcia il periodo di attesa.

Questo progetto della Dosier per le torri di trasmissione si basa su alcuni importanti studi precedenti. Tuttavia, le sue idee per la produzione di materiale in modo sostenibile e non inquinante sono unici, e rappresentano il futuro della costruzione.



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO