DIETA ANTI TUMORE? consigli per una corretta alimentazione…

0
1.769 views

Secondo l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, se tutti adottassero uno stile di vita corretto si potrebbe evitare la comparsa di circa un caso di tumore su tre. E comportarsi bene a tavola rientra proprio tra gli stili di vita ideali in funzione preventiva. Già, ma come regolarsi? Ecco 10 consigli per una dieta anti-tumore, condivisa sia dalla Lega Italiana per la lotta contro i Tumori (LILT)che dall’Airc.DIETA MEDITERRANEA – E’ un’alimentazione basata sul consumo di pane, pasta, olio di oliva, uso moderato di proteine, soprattutto se di origine animale, e abbondante di verdure (almeno cinque porzioni di volume pari a quello del proprio pugno al giorno). Due porzioni al giorno di frutta consentono di riceverne tutti i benefici senza un eccesso di calorie legate al contenuto zuccherino.

  • PROTEINE – Dovrebbero provenire, nell’arco di una settimana, 2 volte dalla carne, 1-2 volte dalle uova, 2 volte dai formaggi e 2 volte dal pesce. Nei restanti pasti, dai legumi (ceci, lenticchie, fagioli).
  • ALMENO 3 PASTI AL GIORNO – La colazione è fondamentale, ma dovrebbe essere più calorica di quanto non si usi in Italia: comprendendo almeno una porzione di cereali, meglio se integrali, e di frutta.
  • FARINACEI – Le calorie che provengono dai farinacei (meglio se integrali) dovrebbero essere il 50-60% del totale giornaliero, anche nelle persone-sovrappeso.
  • GRASSI – Bisogna limitare i cosiddetti grassi saturi, …… di origine animale (come lo strutto). I formaggi vanno consumati non più di un paio di volte la settimana, purché si beva regolarmente latte per garantire la corretta quantità di calcio.
  • COLESTEROLO – Non dovrebbe superare i 200 mg al giorno. A differenza di quanto si pensi, tuttavia, è necessario consumare almeno un po’ di colesterolo perché è un componente fondamentale dell’organismo (a differenza dei grassi saturi, privi di effetti benefici).
  • OLIO DI OLIVA – Può essere consumato a crudo in quantità compatibile con l’apporto calorico consigliato per il proprio peso e altezza, ma bisogna comunque limitare le fritture (anche quelle fatte con l’extravergine).
  • VINO – Va bevuto in modica quantità (un bicchiere a pasto). È meglio evitare i superalcolici.
  • SALE – È bene abituarsi a usarne poco: per insaporire i cibi, meglio erbe e spezie.
  • CAFFE’ – Si può bere, ma non più di quattro tazzine al giorno. Attenzione: chi soffre di pressione alta dovrebbe eliminarlo dalla sua dieta quotidiana.
fonte:staibene.it



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO