NANOSCIENZA,la nuova struttura di ricerca del CNR nel campo dell’ultrapiccolo…

0
1.240 views

Riunisce tre centri di ricerca tra i più affermati in Europa: Nnl (National nanotechnology laboratory) di Lecce, S3 di Modena e Nest (National enterprise for nanoscience and nanotechnology) di Pisa, dove sarà collocata la sede istituzionale.
Il nuovo Istituto di nanoscienze, presentato ufficialmente la scorsa settimana, dispone di una strumentazione che raggiunge un valore stimato di oltre 50 milioni di euro e di un personale di ricerca formato da oltre 200 ricercatori, più della metà giovani provenienti da discipline diverse e da laboratori internazionali.

Finanziato per due terzi mediante contratti con le imprese o progetti di ricerca, la nuova struttura del Cnr nasce con l’obiettivo di affrontare alcune tra le sfide scientifiche più ambiziose: progettare nano sistemi capaci di raccogliere energia dalla luce e dalle vibrazioni; realizzare nanosonde in grado di riconoscere e modificare i tessuti a livello molecolare; studiare strategie nanotecnologiche per lampadine e laser radicalmente innovativi; comprendere le interazioni tra particelle alla nanoscala per capire le funzionalità più complesse della materia.

“La costituzione dell’Istituto nanoscienze – ha commentato la direttrice Lucia Sorba – ha il suo punto di forza nella convergenza di eccellenze consolidate e di livello internazionale. Puntiamo ora a promuovere nuove sinergie, potenziare al meglio competenze e risorse, offrire un punto di riferimento per la ricerca e l’innovazione tecnologica nel settore nano. Il nostro Paese ne ha bisogno per poter competere su standard internazionali”.

fonte:ingegnreri.it di O.O.



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO