I pannelli solari al posto dell’amianto? soluzione economica ed ambientale

0
2.569 views


INIZIATIVA DELLA PROVINCIA DI ROMA.

Tetti solari al posto dell’amianto. Si chiama ‘Roma Provincia Eternit Free’ l’accordo sottoscritto dall’assessore alle Politiche del territorio e alla Tutela ambientale, Michele Civita, con Cristiana Avenali di Legambiente e con l’amministratore delegato di AzzeroCO2, Mario Gamberale.

In base all’intesa, saranno censiti da Legambiente gli edifici agricoli o industriali dotati ancora di tetti in eternit e sarà proposto ai privati di sostituirli con coperture fotovoltaiche beneficiando degli incentivi statali previsti dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007.

Obiettivo minimo prefissato è la sostituzione di 200 tetti per una potenza totale di 20 MegaWatt. “Sarà possibile risanare tante strutture – ha spiegato Civita – producendo energia rinnovabile ed eliminando l’amianto. I proprietari dei capannoni potranno intervenire direttamente alla bonifica grazie agli incentivi statali o cedere il diritto di superficie alla società AzzeroCO2 che provvederà ai lavori”. Civita ha poi ricordato il progetto della Provincia di installare il fotovoltaico sui tetti di tutte le scuole: “Entro fine ottobre – ha detto – apriremo circa 100 cantieri”.

Per Avenali il progetto “è un’opportunità concreta per i privati di liberarsi di un materiale tossico che, secondo uno studio condotto nel 2008 dal Dipartimento epidemiologia dell’Asl RmE, ha prodotto, nel Lazio, 352 casi di tumore da esposizione tra il 2001 e il 2008. Purtroppo non c’è la consapevolezza di quanti siano gli edifici coperti con l’eternit.

L’iniziativa ha avuto un successo immediato: in soli tre giorni dalla sua partenza le richieste di bonifica incentivata dei tetti in amianto con la loro riconversione in coperture fotovoltaiche hanno già superato quota 6.000 metri quadrati di superficie e tante altre continuano ad arrivare all’ infoline 06/85358051 di Legambiente Lazio, che ora ha attivato anche la mail dedicata eternitfree@legambientelazio.it a disposizione di tutti, enti pubblici e soggetti privati (imprese, agricoltori, etc.), per avere delucidazioni sul progetto e sulle modalità di adesione.



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO